Delitto di Garlasco, Stasi deposita l’istanza di revisione della sentenza

Il legale: “Abbiamo nuovi elementi che escludono la colpevolezza”

“E’ stata depositata un’articolata richiesta di revisione della sentenza che ha condannato a 16 anni di reclusione Alberto Stasi per la tragica morte di Chiara Poggi”. Lo ha annunciato l’avvocato Laura Panciroli. La 26enne fu uccisa il 13 agosto 2007 nella sua casa di Garlasco, in provincia di Pavia. Stasi fu condannato in via definitiva nel 2015.

Nuovi elementi escludono colpevolezza -“Sono stati individuati e sottoposti al vaglio della competente Corte di Appello di Brescia elementi nuovi, mai valutati prima, in grado di escludere, una volta per tutte,  la sua responsabilità”. Per l’avvocato di Alberto Stasi, Laura Panciroli, “le circostanze su cui era basata la sua condanna (le stesse, peraltro, sulle quali era stato prima, ripetutamente, assolto) sono ora decisamente smentite – dice -. Si è sempre dichiarato innocente e in molti hanno creduto che la verità andasse cercata altrove. Ora ci sono elementi anche per proseguire le indagini”.

Corte Brescia: tempi brevi su istanza – “I tempi possono essere abbastanza rapidi. Entro fine luglio potremmo già decidere sull’ammissibilità dell’istanza”. Lo ha detto il presidente della corte d’appello di Brescia Claudio Castelli in merito all’istanza di revisione della sentenza di condanna presentata dagli avvocati di Alberto Stasi.

Fonte: TGCOM24

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *